Il nostro sito utilizza cookie di profilazione anche di terze parti per inviare materiale informativo in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni e per negare il consenso al loro utilizzo leggi l'informativa. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Accetto

Blog

Educational

I presupposti dell'analisi tecnica
Postato il 30 Giugno 2016

L’analisi tecnica può essere descritta come un insieme di strumenti matematico-statistici utili ad analizzare l’andamento dei mercati finanziari per delineare gli andamenti futuri. 


Le regole su cui si fonda sono:


• I prezzi “scontano” tutto: Il prezzo non nasce da una casualità, ma deriva dalla interazione tra domanda ed offerta, e riassume già tutti gli influssi provenienti dal mercato. Per questo motivo, l’analista tecnico “puro” non considera i prezzi teorici fondamentali perché li considera già riflessi nei prezzi.


• Il mercato risente della tendenza: Il mercato non si muove in modo del tutto casuale o erratico ma segue delle tendenze cosiddette “trend”. Un trend è un movimento omogeneo e collettivo.  Esso si definisce “intatto” fino a quando non mostra sintomi di stanchezza o di inversione. L’analista tecnico individua il trend in essere per “cavalcare” la tendenza in atto e formulare valutazioni riguardo alla trattativa.


• La storia si ripete: il movimento dei prezzi e dei volumi, essendo il prodotto di un insieme di comportamenti umani, mostra andamenti ricorrenti e regolari. Corsi e ricorsi storici che si succedono perché gli attori sono sempre gli stessi, mossi dalle stesse motivazioni (investire e guadagnare), condizionati dagli stessi atteggiamenti (paura di perdere o eccessiva sicurezza) e dalle stesse reazioni di fronte ad eventi specifici. 


Analizzando i grafici di serie storiche si possono individuare dei modelli o delle figure – cosiddette “patterns” -   che si ripropongono e che si risolveranno con molta probabilità in modo simile al passato. L’analista tecnico quindi può formulare delle “previsioni” basandosi sulla statistica e sulla probabilità. Ovviamente non si tratta di indicazioni certe ma di ipotesi operative che possono verosimilmente realizzarsi.

 


Commenti

Nessun commento disponibile
Seguici anche su: